CELEBRARE LA CUCINA FRANCESE

ZWILLING Culinary World, Destinazione Francia

ARROSTO DI VITELLO DI LARRIVAUX

La Francia ha tre caposaldi: Parigi, la campagna e il mare. La sua cultura stuzzica e soddisfa l’appetito, tanto da non averne mai abbastanza.

Abbiamo intrapreso un viaggio gastronomico con la food blogger Meike Peters di eat in my kitchen e insieme a lei abbiamo raccolto molte ricette fonte d'ispirazione. Meike ha fatto visita a un castello da favola nella zona del Medoc e lì ha incontrato Bérangè Tesseron di Château Larrivaux. Bérangè ha condiviso con noi una delle ricette di famiglia: Quasi de Veau de Larrivaux (vitello tenero con guarnizione di pancetta croccante).

Servito e gustato sotto uno degli alberi secolari che popolano il giardino delle fiabe.


ARROSTO DI VITELLO DI LARRIVAUX


ARROSTO DI VITELLO DI LARRIVAUX

Ispirato da Bérangère Tesseron di Château Larrivaux 

Ingredienti e preparazione

Per 4-5 persone

Ingredienti

1 quasi de veau (arrosto di vitello) disossato , circa 7,5 cm / 3 pollici di spessore, 1 kg / 2 ¼ di libbre
6-8 scalogni, tagliati a fettine sottili
1 limone
150 g / 5 once di pancetta, tagliata a cubetti
100 g di pangrattato
Pepe nero macinato
Sale marino a fiocchi per servire
 

Preparazione

Preriscaldare il forno a 180 ° C / 350 ° F.
Sbucciare e affettare sottilmente lo scalogno. Tagliare la pancetta a cubetti.
Mettere la carne di vitello in una cocotte o in una teglia da forno abbastanza grande da contenerla. Spargere sopra gli scalogni e coprire con la pancetta. Spremere il limone sulla carne, poi cospargerla con il pangrattato. Condire con pepe a piacere e arrostire per circa 50 minuti. Aggiungere acqua e continuare a arrostire per circa 10 minuti o fino a quando la carne è tenera. Togliere l’arrosto dal forno e lasciarlo riposare per circa 10 minuti. Tagliare a fette spesse, condire con una pò di sale e gustare con un bicchiere di vino rosso.
 


BÉRANGÈRE TESSERON DELLA CANTINA CHATEAU LARRIVAUX, MÉDOC

CW_France_MIYK_Chateau_Larrivaux_40_415x415

"PRODURRE VINO È QUESTIONE DI FEELING."


About


UN GIORNO A CHÂTEAU LARRIVAUX, MÉDOC

di Meike Peters

La bella ghiaia crepitava e scricchiolava sotto i miei piedi e io mi sentivo un po' stordita, ancora sopraffatta dalla bellezza appena ammirata guidando attraverso il Médoc. Se questa regione fosse un dipinto minimalista, ci sarebbero un blocco di verde in basso e blu brillante con pennellate bianche in alto, divisi da una curva delicata, l'orizzonte. Le viti crescono in rigide linee parallele, coprendo vallate e colline, e tra esse si scorgono i più belli tra i castelli, maestosi ed eleganti, con robuste pareti di luminosa arenaria che riflette il sole. Le uve sono carnose, i loro succhi sembrano pronti a scoppiare sotto la pelle da un momento all’altro, protetti da grandi foglie che pendono come ombrelli. La regione è ben conosciuta per il cibo e il vino, ma i suoi paesaggi seducono i sensi.

La ghiaia su cui camminavo era circondata da profumati oleandri e cespugli di bosso scuro, a forma di pigne gravide. Era uno stretto sentiero che incorniciava prati verdi con motivi geometrici, il giardino di uno dei luoghi più bizzarri che ho visto nella mia vita, il parco del mistico Château Larrivaux, casa della promettente vinificatrice Bérangère Tesseron. La tenuta è famosa per i suoi vini eccezionali, grazie alle donne che se ne sono occupate da quando la pietra angolare del castello fu posata sul terreno di Cissac-Médoc nel 1580. Château Larrivaux è sempre stato in mano a donne, forti come Bérangère e le generazioni prima di lei, sua madre, le zie e la nonna. Sono appassionate, amano la famiglia e le tradizioni e hanno trasmesso a Bérangère il senso di questi valori. Le hanno insegnato a creare qualcosa di speciale a Larrivaux, per poi un giorno trasmetterlo ai propri figli. "Sono solo una piccola persona, Larrivaux esiste da cinque secoli, sono qui per prenderlo e darlo alla prossima generazione. Devi essere appassionato per occuparti del castello, o non puoi lavorare qui." C'è solo un problema, l'enologa ha unicamente quattro figli maschi. Suo fratello ha una figlia, quindi si vedrà se il futuro dell’azienda è maschio o femmina.

Il marito di Bérangère, Basil Tesseron, proviene a sua volta da una dinastia di vinificatori, l'altrettanto famoso Château Lafon-Rochet, appena un paio di miglia più a est. Entrambi producono lo stesso vino e la coppia si scambia informazioni sul clima e il raccolto, ma le attività sono separate. Le due tenute hanno terroir e approcci diversi, di conseguenza producono vini differenti. "Vinificare è questione di feeling, di intuizione: io ho più merlot, lui ha più cabernet, i nostri prodotti sono completamente diversi". Château Larrivaux produce vini corposi, rotondi, molto fruttati.
 

"Quando bevo il mio vino, voglio anche mangiare qualcosa: è un vino che vuoi condividere e di cui finire la bottiglia". La vita di Bérangère può facilmente sembrare perfetta, come l’ideale di un libro illustrato, ma è dura: il suo è un lavoro pesante. Ha imparato ad amare le previsioni del tempo, per cui ha ben cinque app sul telefono. "Pensiamo sempre al vino, guardando il cielo, chiedendoci se questo influirà sul prodotto, ed è stressante, ma fa parte del gioco." La gelata dell’aprile 2017, per esempio, ha permesso di produrre solo metà della bottiglie che di solito riempiono la cantina della tenuta.

La famiglia ama il cibo e si rilassa nell’affascinante cucina di campagna racchiusa tra delle spesse mura del castello. Il tavolo consumato è lì da quando Bérangère ci ha posato le mani da bambina. Quando taglia le verdure del suo orto, gode della bella vista sul parco tranquillo. Tutto in questa stanza ha una storia da raccontare: ogni pentola di rame lucido, ogni dettaglio sembra aver trovato il suo posto navigando i meandri della vita, non secondo un piano. Il castello è un labirinto di lunghi corridoi con pavimenti scricchiolanti e più stanze di quante se ne possano contare, piene di oggetti d'antiquariato, sedie ricoperte in velluto, vecchi dipinti e disegni, giocattoli di legno e una testa di cervo che osserva da secoli gli accadimenti nel soggiorno dalle pareti verdi. È una fiaba trasformata in una casa.

I Tesserons amano la cucina francese perché celebra le cose semplici, come frutta e verdura fresca, buona carne e pesce. "Quando hai il piatto davanti a te sai cosa assaggerai, quando lo hai in bocca riconosci tutti i diversi sapori." La cucina gioca un ruolo importante nella loro vita: anche i bambini di 9, 7, 4 e 1 anno amano preparare i cibi con la loro mamma, pulire funghi o fare le polpette. Hanno anche cucinato da soli la torta al cioccolato. "Non tocco mai nulla, ma li guardo con attenzione", dice la fiduciosa madre. E quando lei fa il suo famoso classico della domenica, la ricetta di famiglia per il Quasi de Veau de Larrivaux (arrosto di vitello tenero ricoperto di pancetta croccante), tutti si radunano felici sotto l'antico albero in mezzo al giardino, godendosi cibo, vino e vita.
 


PROGETTA UN VIAGGIO A PARIGI CON I NOSTRI SUGGERIMENTI LOCALI