Cucina giapponese

ZWILLING Culinary World, Destinazione Giappone

Curry bianco al salmone

Il cibo svolge un ruolo centrale nella complessa cultura giapponese, il cibo di alta qualità non è una scelta casuale, è una filosofia, le due cose vanno insieme e sono inseparabili. Abbiamo intrapreso un viaggio culinario insieme alla food blogger Meike Peters di "eat in my kitchen" raccogliendo ricette stimolanti. Il ristorante Ka Ku Ra a Tokyo ha creato questo piatto insieme a Meike Peters. Lo scopo è portare la mente, il corpo e lo spirito in armonia con la natura. Per questo motivo, la selezione degli ingredienti richiede precisione e il massimo rispetto delle origini regionali e dei prodotti stagionali. La filosofia sostiene che mangiare in modo sano dia energia al corpo invece di fiaccarlo.


Curry bianco al salmone


Curry bianco al salmone

by Ka Ku Ra, Tokyo / Masako Imura

Ingredienti

Per 4 persone

3 cucchiai di olio di semi di colza
1 cucchiaio di semi di senape
8 foglie di curry
100g di cipolla, tagliata a dadini di 1 cm
90g di rafano, tagliato a dadini di 1 cm
60g di carote, tagliate a dadini di 1 cm
100g di funghi shimeji, spezzettati grossolanamente
20 g di pepe di cayenna fresco, macinato finemente
1 cucchiaino di zenzero grattugiato
1 cucchiaino di aglio grattugiato
40g di pasta di gamberetti
sale a piacere
1 cucchiaino di salsa di pesce
1 cucchiaino di garam masala

1 cucchiaino di coriandolo tritato
1/2 cucchiaino di cannella macinata
1/2 cucchiaino di cardamomo macinato
1 cucchiaino di aglio in polvere
1 cucchiaino di noce di cocco in polvere
1 cucchiaino di mandorla in polvere
zucchero a piacere
500ml di acqua
800ml di latte
30g di radice di loto, tagliata a dadini di 1 cm
60g di patate dolci, tagliate a dadini di 1 cm
90g di zucca hokkaido, tagliata a dadini di 1 cm
10g di funghi shiitake
300g di filetto di salmone, tagliato a pezzettini

Preparazione

In una casseruola grande scaldare l’olio, i semi di senape e le foglie di curry a fiamma medio-alta per circa 15 secondi o fino a quando i semi non cominciano a scoppiare. Aggiungere la cipolla, la carota e i funghi shimeji, abbassare la fiamma a media e proseguire la cottura al sauté, mescolando di tanto in tanto, fino a quando non saranno morbidi.

Aggiungere il pepe di cayenna, lo zenzero, l’aglio, la pasta di gamberetti, il sale e la salsa di pesce e cuocere per 1-2 minuti; a questo punto aggiungere il garam masala, il coriandolo, la cannella, l’aglio in polvere, la noce di cocco in polvere, la mandorla in polvere e la radice di rafano dolce, zuccherare a piacere, mescolare e cuocere per 1 minuto.

Versare l'acqua e il latte, portare a ebollizione e cuocere, senza coperchio, per circa 20 minuti a fuoco medio. Aggiungere la radice di loto, le patate dolci e la zucca e cuocere per circa 5 minuti o fin che la composizione non diventi morbida. Mescolare delicatamente la nuvola bianca con il fungo e il salmone e cuocere per 5 minuti o finché il salmone non è cotto; condire con sale a piacere.

Dividere il riso e il curry tra le ciotole, cospargere con coriandolo fresco e servire immediatamente.


Chef Masako Imura del ristorante Ka Ku Ra, Tokyo

CW_Cherry_Blossom_MIYK_Kakura_40_01_736x415

"I coltelli sono incredibilmente importanti per me, mi sento come se i coltelli fossero una parte di me."


About


Un giorno da Ka Ku Ra, Tokyo

by Meike Peters

La chef Masako Imura ha scelto una scena surreale per il suo acclamato ristorante Kakura: musica classica proveniente dalla strada, da altoparlanti invisibili, niente automobili, ma persone che vanno in bici o camminano lentamente ascoltando le dolci armonie che pervadono l’aria tiepida della città. Siamo a Tokio, nel suo cuore vibrante, e questa scena di pace, il piccolo edificio in cui calza a pennello il ristorante, parla una lingua diversa. La facciata verde coperta di edera e lucine scintillanti, i vasi di fiori, erbe aromatiche e le rigogliose piante poste di fronte alla vetrina del ristorante, creano un netto contrasto con il grigio monotono della città. Menta aromatica, basilico, rosmarino e foglie di curry crescono sulla porta di casa della chef pronte per essere portate in cucina e trasformate in piatti complessi e speziati.

L’esterno non potrebbe essere più adatto all’interno, è un’oasi verde creata per un ristorante che celebra il curry giapponese basato sull’antico sapere della medicina cinese. Le creazioni di Masako Imura sono ricche, colorate e deliziose. Il suo Kakura Curry, il Curry Nero, i suoi curry stagionali di verdure o di pesce, sono un puro piacere per il palato e carezzano ed attivano diverse parti e funzioni del corpo. La nutrizionista segue una filosofia olistica, in cui mente e corpo, persone e natura si completano l’un l’altra in armonia. Gli ingredienti che usa sono organici, di provenienza regionale e stagionale, la chef sa come trattare ciascun ortaggio con rispetto e creatività. Parliamo di cibi che ti danno energia invece di togliertela.

Fan da tutto il mondo, molti artisti e musicisti, amano la sua meravigliosa cucina, tutti quei sapori affascinanti che Masako porta in tavola nel suo ristorantino aperto nel 2005. Il cibo ti riscalda l’anima. Quando hai l’occasione di incontrarla nella sua cucina per qualche ora tagliando verdure e chiacchierando, sbirciando nelle sue pentole e padelle, ti fai un’idea di questo universo che rende le sue creazioni così uniche e speciali. Le spezie sono il suo strumento più importante, il cuore di ogni composizione. Lavora con una miscela perfettamente equilibrata di curry, scelta individualmente per ciascun piatto, come nel curry di pesce che ci insegna a cucinare. La calda fragranza dei semi di senape e delle foglie di curry sfrigolanti nell'olio bollente è l’inizio, l’invito allettante, prima che si aggiungano altre parti per dare più profondità: Nam Pla (salsa di pesce), pasta di gamberetti, zenzero, e spezie colorate, che miscela con cura nelle scodelline accanto al fornello. Radice di loto, patata giapponese, zucca dorata e carota, e vari funghi conferiscono freschezza e sapore ad una salsa cremosa piena di calore.

L’amore per la cucina è una tradizione di famiglia, la madre di Masako Imura ha insegnato alla figlia a cucinare e ad usare il cibo per il proprio benessere. Masako era la più piccola, ed anche la più delicata, quindi sua madre faceva molta attenzione alla dieta della sua bambina. Nutrirsi in modo naturale e ricco, ricorrendo alla cucina medicinale cinese, la aiutò a diventare la donna forte e ispiratrice che è oggi, amata per le sue creazioni al curry al ristorante Kakura (http://www.ka-ku-ra.com/).


Organizza la tua visita a Tokyo con i nostri consigli