TRADIZIONE CULINARIA

ZWILLING CULINARY WORLD, DESTINAZIONE ITALIA

GNUDI RICOTTA E SPINACI

Le cucine e le tavole in Italia sono spesso ricche di piatti squisiti che attendono di essere gustati e condivisi. Abbiamo intrapreso un viaggio culinario con la food blogger Meike Peters di "eat in my kitchen" e insieme a lei abbiamo raccolto molte ricette, fonte d'ispirazione per tutti. Emiko Davies, food blogger e rinomata autrice di libri di cucina, ha creato questo piatto insieme a Meike Peters.


GNUDI RICOTTA E SPINACI

GNUDI RICOTTA E SPINACI

di Emiko Davies dal libro di ricette "Florentine: The True Cuisine of Florence"

Ingredienti

Per 4 persone

350 g di ricotta compatta, senza liquido
300 g di spinaci bolliti, tritati e asciugati bene (serve circa 1 kg di foglie fresche per ottenerli)
2 uova, sbattute
un pizzico di sale, e altro sale per l’acqua
un pizzico di noce moscata macinata

circa 50 g di farina di grano
50 g di burro non salato
20 foglie di salvia
sale e pepe per condire
una manciata di parmigiano grattugiato, al momento di servire

Preparazione

Mischiate in una ciotola la ricotta, gli spinaci tritati finemente, le uova, il pizzico di sale e la noce moscata. Dovreste ottenete un composto spesso e compatto.

Mettete la farina in una ciotola poco profonda.

Arrotolate il composto con le mani, o con un cucchiaio, facendone degli gnudi della grandezza di una noce, e poi infarinateli bene. Riponeteli su un ripiano lievemente coperto di farina fino a quando non saranno tutti pronti.

Portate a ebollizione una pentola d’acqua (salata con una presa di sale).

Lasciate cadere con cautela gli gnudi nell’acqua e cuoceteli per 4-5 minuti fino a quando non saliranno in superficie.

Nel frattempo preparate la salsa facendo sciogliere il burro in una padella larga a fuoco medio insieme alle foglie di salvia. Quando il burro si sarà sciolto e comincerà a diventare quasi color nocciola, aggiungete 2-3 cucchiai di acqua di cottura per creare una salsa densa. Condite con sale e pepe.

Quando gli gnudi saranno cotti, toglieteli dall’acqua con una schiumarola e aggiungeteli alla salsa. Abbassate il fuoco e mantecate dolcemente gli gnudi nella salsa. Servite subito con il formaggio grattugiato.


UN PASTO E’ PIU’ DELLA SOMMA DEI SUOI INGREDIENTI – LA FOOD BLOGGER EMIKO DAVIES REINTERPRETA RICETTE TRADIZIONALI

CW_Italy_MIYK_Emiko_Davies_46_415x415

"C’E’ SEMPRE UNA RAGIONE PER CUI QUELLA PARTICOLARE COMBINAZIONE DI INGREDIENTI E’ UNA RICETTA ITALIANA E DI SOLITO HA A CHE FARE CON IL PAESAGGIO."


A PROPOSITO DI


UN GIORNO IN TOSCANA CON Emiko Davies

di Meike Peters

Da qualche parte sulle morbide colline dietro a Firenze, tra gli uliveti e i cipressi che si stagliano contro il cielo, troverete un pesante cancello di ferro incastonato da un muro giallo sbiadito. Se passerete quel cancello, vedrete un gruppo di case vecchie, un’ex fattoria, coperta di edera, i tetti coperti di tegole in terracotta, e le persiane di legno dipinte di verde come gli alberi e arbusti rigogliosi lungo il cancello. E’ un piccolo paradiso nel cuore della Toscana, la casa di Emiko Davies e di suo marito Marco Lami.

Emiko Davies è la rinomata autrice di due famosi libri di cucina - "Florentine: The True Cuisine of Florence" e "Acquacotta: Recipes and Stories from Tuscany's Secret Silver Coast" – ed è anche la voce dietro al popolare food blog che porta il suo nome (emikodavies.com). Ha vissuto in molti paesi, è mezza giapponese, mezza australiana, figlia di un diplomatico, ha visto il mondo, ma quando ha incontrato Marco si è innamorata perdutamente di lui e del suo paese natio. Emiko ama il cibo e la cucina, ha un background di storia dell’arte e belle arti, e quindi l’Italia, ed in particolare la cucina tradizionale toscana, è per lei un vasto campo da esplorare. E’ affascinata da tutte le regioni e i loro paesaggi, città e paesini, che coltivano le proprie ricette. Lo stile è italiano, sempre, ma la sua interpretazione è distinta. Tutto viene fatto per una ragione nelle ricette italiane: il modo in cui viene usato un ingrediente, la stagione e regione in cui viene usato determina ogni ricetta. E le sue origini risalgono spesso al passato.

Gli occhi di Emiko brillano quando parla di libri storici di ricette o di mostre a Palazzo Pitti a Firenze che espongono dipinti di frutti solitari nei giardini dei Medici.

Nella sua vita, trova ispirazione per le sue creazioni ad ogni angolo, al mercato, in conversazioni con gli agricoltori che le svelano i segreti familiari della loro cucina. Spesso trova che molte formule, certe combinazioni e preparazioni, non sono cambiate fin dai tempi medievali. Il cibo che viene preparato nelle cucine toscane da secoli arriva ancor oggi sulle nostre tavole, le storie dietro a queste ricette vengono ancora raccontate in famiglia quando si ritrova a tavola.

L’autrice di libri di cucina è stata fortunata, ha trovato l’anima gemella. Suo marito Marco è sommelier all’Hotel Quattro Stagioni a Firenze, e approccia il vino con lo stesso amore, la stessa passione e precisione, la stessa curiosità con cui sua moglie approccia il cibo. Ama scavare nei classici dei vini rossi e bianchi italiani e scoprire nuovi sapori, gemme nascoste del suo paese. Poter parlare delle sue scoperte e delle sue scelte con i suoi ospiti e condividere a tavola l’amore reciproco per il buon vino e il buon cibo è il più grande dono ai suoi occhi. La storia dietro a un viticoltore, la sua filosofia, attira la sua attenzione tanto quanto il sapore del vino. "Idealmente, è possibile assaporare l’idea dietro a un vino."

Emiko e Marco sperimentano il cibo e il vino con tutti i loro sensi, ma usano anche l’intelletto per scoprire nuovi campi da cui apprendere, per trovare nuove storie e nuovi sapori che stimolino la loro creatività. E’ una passione che vive nella loro casa e che trasmettono amorevolmente alla prossima generazione. La loro figlia è già abilissima nel preparare biscotti e cupcake, osservando ciò che accade nella cucina dei genitori con occhi curiosi. Quando ci siamo incontrati, la ragazzina mi ha svelato alcuni dei suoi segreti per la preparazione di dolci, così come sua madre che ha preparato per noi i morbidi gnudi fiorentini ricotta e spinaci.


SCOPRI L'ITALIA CON I NOSTRI CONSIGLI LOCALI

SCOPRI TUTTE LE RICETTE DEL NOSTRO VIAGGIO IN ITALIA

#culinaryworld